Künstler von A bis Z:

Achille Perilli

Name: Perilli
Vorname: Achille
Lebensdaten: * 1927 Roma
Zu Leben und Werk: Achille Perilli (* 28. Januar 1927 in Rom, Italien; lebt in Turin, Italien) ist ein italienischer Maler und Grafiker. Er gehört zu den bedeutenden Vertretern der Abstrakten Malerei nach dem Zweiten Weltkrieg. Achille Perilli ist, neben Carla Accardi, Ugo Attardi, Pietro Consagra, Piero Dorazio, Mino Guerrini, Antonio Sanfilippo und Giulio Turcato im Jahr 1947 Mitverfasser des Manifestes des Formalismus: &##8222;Forma 1&##8220;, das sich gegen jede Form der gegenständlichen Kunst wandte und die reine Form zum Mittel und Ziel der Kunst erklärte. Die Unterzeichner gründeten auf dieser Basis die Künstlergruppe &##8222;Forma&##8220;. Perillis Bilder enthalten oft kubische Formen, die sich bei näherer Betrachtung und Perspektivenwechsel als vielschichtig und mehrdimensional erweisen. Er nennt seine Kunst selbst &##8222;geometrisch irrational.&##8220; Achille Perilli hatte seine erste Einzelausstellung in der Galleria La Tartaruga 1957 in Rom. Seine Kunst hatte internationale Relevanz. Er war Teilnehmer der documenta 2 1959 in Kassel und der XXXI. und XXXIV. Biennale von Venedig (1964 und 1970) Perilli ist Teilnehmer und Organisator von zahlreichen Ausstellungen Abstrakter Kunst in Italien. Er hatte viele Einzelausstellungen, insbesondere in der bekannten italienischen Galleria Studio F. regelmäßig von 1980 bis 1998.************************************************************************************************************************************************************************************** Autore di un astrattismo caldo, Achille Perilli nasce a Roma il 28 gennaio 1927 ed è noto per le composizioni di forme che somiglianti alla proiezione sul piano di parallelepipedi che risultano alla fine inverosimili ed irregolari, quasi irrisolti allo sguardo. Perilli compie le sue opere attraverso un utilizzo del colore forte - gradevole e rigoroso insieme - e supporta il proprio lavoro con una voluta "imprecisione" che va a vantaggio dell&##8217;espressività. Dopo aver frequentato il liceo classico, nel 1945 si iscrive alla Facoltà di Lettere; negli anni seguenti è allievo di Lionello Venturi, con il quale prepara la tesi di laurea sulla pittura metafisica di Giorgio De Chirico. Con Dorazio, Guerrini, Vespignani, Buratti, Muccini, Maffioletti, Perilli fonda il Gruppo Arte Sociale (GAS); allo stesso tempo collabora alla nascita e alla redazione delle riviste &##8220;Ariele&##8221; e &##8220;La Fabbrica&##8221;, organo del GAS, delle quali esce un unico numero. Nel 1947 partecipa alla redazione del manifesto Forma 1 (firmato oltre che da Perilli, da Accardi, Attardi, Consagra, Dorazio, Guerrini, Sanfilippo, Turcato) che viene pubblicato sul primo numero della rivista omonima. In ottobre dello stesso anno espone alla prima mostra del gruppo Forma 1 che si tiene nella Galleria Art Club: durante lo steso mese tieni nei locali dell&##8217;Art Club una conferenza dal titolo Del formalismo. Nell&##8217;anno seguente collabora con Sottsass jr all&##8217;organizzazione della prima mostra di arte astratta in Italia che si tiene alla Galleria di Roma. Presentato da Lionello Venturi, Perilli partecipa al I Congresso Internazionale di critici d&##8217;arte che si tiene a Parigi (21-28 giugno 1948), presentando insieme a Dorazio una relazione sulla situazione della pittura italiana del &##8216;900. Nel 1950 fonda, con Dorazio e Guerrini, la Libreria-Galleria &##8220;Age d&##8217;Or&##8221;; a cura dell&##8217; &##8220;Age d&##8217;Or&##8221; viene pubblicato il primo quaderno tecnico-informativo d&##8217;arte contemporanea Forma 2. Il primo e unico numero è un &##8220;Omaggio a V. Kandinskij&##8221;, con testi di Max Bill, Nina Kandinsky, Enrico Trampolini e altri; il saggio di Perilli è dedicato alla grafia di Kandinsky. In occasione dell&##8217;Anno Santo l&##8217; &##8221;Age d&##8217;Or&##8221; organizza uno spettacolo di contestazione: il &##8220;Galileo Galilei&##8221; di Bertold Brecht, con la regia di Vito Pandolci e come protagonista Perilli nelle vesti di Urbano VIII. L&##8217; &##8220;Age d&##8217;Or&##8221;, in collaborazione con l&##8217;Art Club, organizza inoltre la mostra di Arte astratta e concreta in Italia (la prima rassegna completa dell&##8217;astrattismo italiano) che si tiene in febbraio alla Galleria Nazionale d&##8217;Arte Moderna. L&##8217;artista, sempre assieme a Dorazio e Guerrini realizza il numero 4 della rivista di architettura &##8220;Spazio&##8221;, interamente dedicato all&##8217;arte astratta; Perilli vi pubblica un saggio dal titolo "Quarant&##8217;anni d&##8217;arte astratta in Italia". Nello stesso anno Lucio Fontana invita l&##8217; &##8220;Age d&##8217;Or&##8221; a collaborare alla Triennale di Milano: Perilli, Dorazio e Guerrini realizzano in collaborazione due grandi pitture murali, premiate con medaglia d&##8217;argento. Nel 1957 Perilli espone ad una mostra personale allestita alla Galleria La Tartaruga, presentato da Nello Ponente mentre, cinque anni più tardi, ha una sala personale alla Biennale di Venezia, dove nel catalogo è presentato da Umbro Apollonio. Nel 1963 partecipa a Palermo alle riunioni del &##8220;Gruppo 63&##8221;: realizza scene, proiezioni e costumi per lo spettacolo &##8220;Teatro Gruppo 63&##8221; alla sala Scarlatti di Palermo. Contemporaneamente espone una mostra personale a New York alla Galleria Bonino. All&##8217;inizio degli anni Settanta espone una serie di opere dal 1961 al 1969 in una mostra personale che si tiene alla Galleria Nazionale di Praga ed espone ad una serie di mostre personali in Italia e ancora all&##8217;estero: alla Galleria Marlborough di Roma, alla Galerie Espace di Amsterdam, alla Frankfurter Westend Galerie di Francoforte, alla Jacques Baruch Gallery di Chicago con solo opere grafiche. Partecipa alla International Biennal Exhibition of Prints in Tokyo. Nel 1979 organizza e realizza per il comune di Roma la mostra L&##8217;avanguardia polacca 1910-1978 al Palazzo delle Esposizioni. Negli anni Ottanta Perilli partecipa alla realizzazione di &##8220;Retina&##8221;, rivista degli artisti, dove pubblica il manifesto Teoria dell&##8217;irrazionale geometrico. Una sua ampia mostra retrospettiva, dal titolo "Achille Perilli, continuum 1947-1982", è allestita al Palazzo dei Congressi della Repubblica di San Marino. Successivamente espone in una mostra retrospettiva degli anni 1969/1984 al Paris Center di Parigi dal titolo "Achille Perilli. L&##8217;irrazionale geometrico". Nelle opere degli anni Novanta il linguaggio di Perilli si rafforza ulteriormente in un cromatismo acceso, ilare, vivace e brillante: le forme si sviluppano in condizione bidimensionale, espandendosi nello spazio della tela e acquistando strutture di grande eleganza e movimento. Le opere di Perilli si qualificano in una direzione assolutamente astratta e al contempo si articolandosi cromaticamente lasciano che il colore possa argomentare e aiutare l&##8217;emergere e l&##8217;esprimersi stesso delle forme.
  • Suche: Graphik und Malerei
nach Büchern über: 

Aktuelle Lose: (zu den Details: Losnr. oder Bild anklicken !)

Vorschau-Bild Perilli, Achille
Farblithographie / Litografia a colori, informel 1965.
Ausrufpreis/Gebot: 300,00 ¤
Losnr.: 65620